Gli aceri giapponesi sono una stupenda fonte di attrazione in qualsiasi giardino, terrazzo o balcone. La primavera, assieme all'autunno, è la stagione migliore per osservarne le sfumature più spettacolari.
Terreno: sciolto, ben drenato e ricco di sostanza organica; in vaso torba o substrato per arbusti. Evitare i ristagni idrici.
Impianto: mantenere il colletto e punto d'innesto sollevato rispetto al livello del terreno.
Concimazioni: non eccedere specialmente con concimi azotati. Effettuare una leggera letamazione a fine autunno o apportare concime chimico od organico in primavera/estate (da 20 a 100 g a pianta a seconda della dimensione).
Irrigazione: irrigare con frequenza monitorando sempre l'umidità del terreno evitando stress o ristagni.
Potatura: se necessaria accorciare su una coppia di gemme lasciando una porzione di ramo (cuscinetto) che seccherà.

Acer palmatum Sango Kaku

€19.99Prezzo
  • Acero palmato dal caratteristico habitus invernali con vistosi fusti rosso fiammante (accentuato dall freddo). 

    Colore foglia: verde con crescite rosso-gialle in primavera, verde in estate e giallo paglierino in autunno. 

    Portamento: eretto

    Esposizione: pieno sole o mezz'ombra (il sole ne favorisce la pigmentazione rossa).

    Altezza massima: 5-6 m

    Coltivazione: in vaso o in piena terra  resiste al freddo invernale (fino a 900-1000 m s.l.m.)

    Consigli pratici: in vaso ricordarsi di mantere il terreno fresco soprattutto nei periodi caldi. Potatura di formazione in inverno (pianta senza foglie), potatura di mantenimento a maggio-giugno.